Rashomon (Kurosawa)

Sabato 10/11/2018, ore 21.00
Presso Piccola Accademia di via Castellini, Como

Regia: Akira Kurosawa
Giappone – 1950
Durata: 88′ – B/n – V. con audio ita

Relatore:
Fabrizio Fogliato (critico e storico del cinema)

“Sotto il portico del tempio del dio Rasho a Kyoto nel XV secolo un boscaiolo, un bonzo e un servo rievocano un tragico fatto di sangue, giudicato in un tribunale davanti al quale hanno deposto come testimoni: un bandito aveva aggredito un samurai che, in compagnia della moglie, attraversava una foresta, uccidendo l’uomo e violentando la donna. Alla prima versione dei fatti data dal bandito segue quella della donna: entrambe sono raccontate dal boscaiolo. Il bonzo riferisce una terza versione, fatta dallo spirito del defunto samurai, evocato da una maga. Allora, riprendendo la parola, il boscaiolo confessa di avere assistito al delitto e racconta ai compagni una quarta versione, prima di raccogliere un bambino abbandonato e portarselo a casa. Tratto da 2 racconti di Ryumosuke Akutagawa (1892-1927), il dodicesimo film di A. Kurosawa vinse a sorpresa il Leone d’oro a Venezia nel 1951, facendo da battistrada nei festival e sui mercati europei al cinema giapponese. Scandito dal ritmo ossessivo di un bolero, è un film in cui le diverse componenti letterarie, psicologiche (persino psicanalitiche) e drammatiche si fondono in una superiore unità filmica che rimanda al cinema muto e, insieme, anticipa la tecnica televisiva con un linguaggio febbrilmente barocco nel suo virtuosistico dinamismo. L’incrociarsi delle versioni contraddittorie serve “meno a sottolineare la vanità o la debolezza umana… che a far sentire l’abisso che separa le parole e le cose, la soggettività e la realtà… A questo proposito Rashomon è più vicino a Faulkner che a Pirandello” (J. Lourcelles). Premio speciale agli Academy Awards 1951: l’Oscar per il miglior film straniero fu istituito nel 1956. Rifatto a Hollywood come L’oltraggio (1964) con la regia di M. Ritt e Paul Newman nella parte di T. Mifune” (Il Morandini)